Tendenze design per il 2022: quali valorizzano gli immobili?

Il mondo del design è in continua evoluzione, perché strettamente legato alle abitudini delle persone e alle necessità. I prodotti di design contribuiscono a stabilire il valore di un immobile, per questo motivo è interessante analizzare e captare le nuove tendenze.

Gli ultimi anni hanno lasciato una traccia indelebile nelle nostre vite: siamo stati costretti a ricalcolare la routine e inventarci modi alternativi per passare le giornate.

Gli spazi abitativi hanno avuto un ruolo fondamentale. Il remote working, formula lavorativa ormai diventata normalità, impone una nuova riorganizzazione della casa. Per molte persone non è stato facile metabolizzare il cambiamento e trovare uno spazio da dedicare al lavoro.

Si sono diffusi, ad esempio, gli spazi multifunzionali, che consentono l’assetto della stanza a seconda delle esigenze. La sala dove giocano i bambini può diventare, in poche mosse, il nostro ufficio e la sera il luogo preferito dove guardare la televisione.

E gli uffici tradizionali che fine hanno fatto? Questi immobili sono stati spesso chiusi, in attesa di nuove disposizioni oppure sono diventati dei co-working, ovvero degli spazi nuovi dove diversi professionisti si incontrano per lavorare insieme e superare l’isolamento.

Un’altra conseguenza dell’emergenza epidemiologica è sicuramente la ricerca di arredamenti morbidi e colori neutri, che conciliano il relax e garantiscono un ambiente accogliente. In questo senso, il biophilic design si pone come strada per contrastare l’isolamento e la paura che tante persone stanno vivendo, incoraggiando il contatto con la natura.

Rispetto per l’ecosistema naturale che guida il design sostenibile, in voga da diversi anni ma destinato ad affermarsi sempre di più. La dimensione ambientale spinge alla volontà di eliminare l’impatto negativo sull’ambiente attraverso un design intelligente e sensibile.

L’architettura è, per definizione, un prodotto umano che può intaccare l’ambiente. Il mondo della progettazione si scontra con questa realtà e si pone domande su come contribuire a salvare del pianeta.

Le tendenze per il 2022, dunque, seguono i cambiamenti di una società frenetica, ma bisognosa di serenità e nuovi valori.

Come arredare allora un immobile per aumentarne il valore? E cosa, invece, devo evitare? È giunto il momento di analizzare meglio i nuovi trend.

Sostenibilità e natura

La domanda di design sostenibile continuerà a crescere soprattutto nell’artigianato e nel riutilizzo dei materiali. Le piattaforme social, come TikTok, sembrano incentivare questa tendenza con la circolazione di video per lavori fai da te, la cura dei mobili, la colorazione con tinte generate da alimenti. Oggi su Instagram si registrano 23 milioni di post con hashtg “handcrafted” (fatto a mano).

Per il 2022 pare che la natura si ponga al centro di ogni scelta e ispirazione. La vegetazione sarà il soggetto di disegni e pitture all’acquerello. Il design “biofilico” si focalizza su elementi minimal di foliage verde, sul legame tra spazi cittadini e natura. Sono un esempio le opere urbane che possiamo vedere a Milano, dove l’architettura si fonde con elementi naturali.

Gli spazi progettati secondo lo stile biofilico sono in grado di diminuire lo stress, aumentare il buon umore e migliorare la qualità della vita. La natura rigenera e non possiamo negarlo. Ci sentiamo meglio dopo una passeggiata all’aria aperta o un giro in montagna, vero? Ricreare e riportare l’elemento naturale in casa sono ottimi modi per trovare nuovi equilibri e serenità.

Nuova concezione dello spazio

Gli spazi hanno un impatto sulle nostre emozioni. Se vogliamo migliorare la salute mentale, dobbiamo investire tempo e sforzi per personalizzare la casa e creare spazi consapevoli. L’interior design sta studiando nuove concezioni dello spazio abitativo, per rendere la casa un’oasi di pace e aumentare il benessere.

Una tendenza da tenere sott’occhio è quella degli spazi multifunzionali. Utilizzare uno stesso ambiente per funzioni differenti: questo è lo scopo. La zona giorno, ad esempio, spesso è costruita da un grande open space, che potrebbe essere diviso in modo da sfruttarlo in maniera razionale nelle diverse ore della giornata.

Unire l’area di lavoro alla sala da pranzo è diventata, per molti, un’esigenza. Ed effettivamente è possibile perché si può godere per entrambi gli utilizzi di un ambiente arioso e diafrano, ma è necessario scegliere mobili in sintonia e che diano un equilibrio dal punto di vista estetico.

Un occhio all’estetica, ma un occhio anche alla praticità. Per lavorare bene, è importante una scrivania pratica con vani e ripiani aggiuntivi, che permetta di organizzare bene il materiale.

Tavolo decò in noce fiammata italiana, con base di pergamena naturale, che può essere usato sia come tavolo da pranzo che come tavolo da studio (Casa Stopino)

Colori e arredi

Pantone ha decretato il colore del 2022: il Very Peri, tonalità di blu infusa di sfumature di rosso e di viola. Sono molteplici gli abbinamenti che l’interior design può creare con questo colore intrigante e forte, che sicuramente si attesta come trend dominante.

Una scelta cromatica che va a vivacizzare i colori neutri, che continueranno ad essere molto usati per l’intero 2022. La difficoltà delle tonalità chiare e neutre, infatti, è quella di risultare piatte e poche espressive, nonostante risultino le migliori per creare un ambiente rilassante e armonioso.

Tra i colori neutri troviamo il bianco, tutte le tonalità dei beige e dei grigi,marroni e le terre. I colori del legno,in tutte le sue essenze, sono da considerarsi neutri ma comunque hanno una loro connotazione fredda o calda a seconda del tipo e della finitura con cui sono stati trattati. Si prestano ad ogni stile,dal classico e shabby chic con tutte le tonalità di bianco e beige al moderno contemporaneo con la presenza di bianchi e grigi forti.

La sensazione di morbidezza dei colori tenui la riscontriamo anche nelle tendenze 2022 di arredo. I mobili continueranno ad essere caratterizzati da forme arrotondate e curve. Le linee saranno sempre più generose e sensuali.

Possiamo notare anche la comparsa di forme scultoree nei mobili, che diventano autentiche opere d’arte, nelle lampade e in alcuni accessori. Tavoli in legno chiaro, poltrone tondeggianti con tessuti materici o vellutati, vasi dalle linee geometriche.

L’interior design analizza le tendenze del mondo e concretizza i desideri delle persone. Proprio come fa Casa Stopino, azienda con cui ho recentemente stretto una Partnership e che progetta e crea arredamenti adatti ad ogni spazio, cercando di interpretare le nuove esigenze.

Realtà storica nella città di Vigevano, Casa Stopino ama seguire con cura ogni fase del progetto, assicurando che ogni dettaglio sia esclusivo e personalizzato. L’intero team si impegna per regalare al cliente una vera e propria “opera d’arte”, intrisa di valore culturale ed estetico.

E forse è proprio questo il compito dei bravi progettisti: essere in grado di dar forma alla bellezza, senza tralasciare le influenze del mondo esterno, che contribuiscono, esse stesse, a plasmare il nostro immaginario. Un immobile deve essere valorizzato e un occhio al mondo del design non deve mancare mai!

Richiesta informazioni

Ask for information